Stoccaggio Cartucce VuoteHP ha avviato, qualche anno fà, un programma pilota per il riciclo della plastica derivata dalle cartucce esaurite (vuote), non ha inventato niente di nuovo sia chiaro, ma il successo a spinto l’azienda ad investire e sostenere questa iniziativa. In pratica ha semplicemente applicato un processo già noto per il recupero della plastica (ABS, PET) di cui sono fatte le cartucce toner ed inkjet. Le cartucce vengono raccolte dai centri autorizzati HP (in Italia il servizio non è attivo) e successivamente avviate al riciclo, la plastica viene triturata e quindi trattata con fibre e resine particolari per renderla nuovamente utilizzabile nei processi per la produzione di nuove cartucce. Sei mesi fà HP dichiarò di aver riciclato ben 74 milioni di Kg. di plastica attravero il suo programma HP Planet Partners attirando su di se quindi la benevolenza di quanti lottano perchè le major prendano coscienza di un problema tanto importante come l’AMBIENTE.

Quanto svolto da HP è di assoluto rigore, ci auguriamo che anche altri brand possano presto imitare il colosso americano. E’ necessario però, secondo noi fare qualche precisazione in merito ai processi di riciclo. Siamo convinti che l’azione di HP sia lodevole e meriti una certa risonanza, ma siamo dell’idea che prima di avviare la plastica delle cartucce al processo di recupero sia doveroso attivare un processo di tipo diverso che permetta un reale riutilizzo delle cartucce, evitando così che le stesse debbano essere recuperate.

La RIGENERAZIONE, almeno quella fatta da noi, consente all’utente di riutilizzare le cartucce toner e inkjet, fintanto che queste non presentino anomalie strutturali (ricordiamoci che sono comunque fatte di plastica), garantendo qualità e prestazioni di rigore. Qualora non sia possibile procedere con la rigenerazione, la stessa viene avviata al recupero attivando una procedura che avrà come risultato finale una separazione dei dingolo compontenti di cui la cartuccia stessa è composta (Plastica, Ferro, Parti Elettriche, Polvere Toner). Di tutto questo solo la polvere toner viene avviato allo smaltimento (circa il 5-10% del peso complessivo della cartuccia), il resto viene avviato al recupero attraverso i canali standard.

Se la RIGENERAZIONE, intesa come quel processo produttivo attraverso cui operatori del settore qualificati e professionali fosse presa in seria cosiderazione, non tanto come valida alternativa al prodotto nuovo, ma piuttosto come possibile soluzione al problema della sostenibilità ambientale, probabilmente nel nostro paese circolerebbero molte meno cartucce vuote destinate alle discariche.